Admiral Spaun

incrociatore leggero

 

Significato del nome: Hermann Freiherr von Spaun, Capo del Comitato Tecnico della Marina (Capo della Sezione Navale del Ministero della Guerra dell' Impero Austro-Ungarico)  e Comandante in capo della Marina dal 1897 al 1904, nato a Vienna il  9.5.1833, deceduto a Gorizia  il  23.5.1919.   

Unita' gemelle: Helgoland (simile), Novara (simile), Saida (simile)
Cantiere di costruzione: Pola, Arsenale di Pola;  impostazione: 30.5.1908;  varo: 30.10.1909; ingresso in servizio: 15.11.1910;  costo complessivo: 10.400.000 corone
Dislocamento: 3.500 tonn.,  4.007 tonn. ad allestimento completato
(altre fonti: 3.943 tonn.) 
Dimensioni: lunghezza al galleggiamento: 129,65;  lunghezza fuori tutto: 130,64; larghezza: 12,77 m;  immersione: 4,58 m (5,29 m ad allestimento completato)
(altre fonti: larghezza 12,79 m;  immersione: 5,00 m)
Propulsione: 2 turbine a vapore Parson, costruite nello Stabilimento Tecnico Triestino;  16 caldaie Yarrow;  4 eliche del diametro di 2,10 m, a rotazione esterna; solo le due eliche interne venivano utilizzate  a rotazione invertita nei cambiamenti di rotta;  potenza: 25.000 Hp
(altre fonti:  potenza: 25.130 HP)
Velocità: 27 nodi;  autonomia: 1600 miglia a 24 nodi;  combustibile: 786 tonn. di carbone
Protezione: cintura: 60 mm;  ponte: 20 mm
(altre fonti:  artiglierie: da 40 mm;  torrione di comando: da 50 mm)
Armamento: 7 cannoni Skoda L/50 da 100 mm;  1 cannone Skoda a tiro rapido L/44 da 47 mm;  1 cannone Skoda L/50 da 70 mm (dal 1915);  2 tubi lanciasiluri da 433 mm (8 tubi lanciasiluri da 533 mm in 4 postazioni doppie dal 1915);  6 siluri (8 siluri dal 1915);  60 mine
Equipaggio: permanente effettivo: 17 + 294 uomini nel 1910
di complememto: 19 + 300 uomini
Storia del varo: I vari delle navi da guerra, in particolare di quelle di maggiore tonnellaggio, all' epoca della corsa al riarmo navale ai primi del Novecento, venivano pubblicizzati in tutta Europa a scopo propagandistico.
Nel caso dell’ Impero Austro-Ungarico al varo partecipavano le più alte autorità pubbliche e militari del Governo, dignitari, membri della Casa Imperiale, nobili dell’ Impero. Presente quasi sempre il Comandante in capo della k.u.k. Kriegsmarine e il Ministro della Marina. A volte lo stesso Imperatore.
Madrina della nave era quasi sempre una principessa o una arciduchessa della famiglia reale.
Ampio rilievo dell’ avvenimento veniva dato sui giornali di tutto il territorio dell’ Impero. Venivano stampate fotografie e cartoline ricordo celebrative dell’ evento.
Il 5 novembre 1904 in occasione del ritiro dall’ incarico di Comandante in Capo della k.u.k. Kriegsmarine dell’ Ammiraglio Hermann Freiherr von Spaun, dopo 54 anni di servizio, l’ Imperatore Francesco Giuseppe I stabilì che una delle nuove navi da guerra in costruzione in quel periodo dovesse portare il suo nome: un onore particolare per una persona che era ancora in vita.
Il 31 marzo 1908, per decreto dell’ Imperatore Francesco Giuseppe, fu deliberata l’ attribuzione del nome dell’ incrociatore.
Il varo avvenne nel Cantiere dell’ Arsenale di Pola il 30 ottobre 1909 con le caldaie, le turbine e la corazzatura laterale già completata. L’ incrociatore era la prima nave della k.u.k. Kriegsmarine con motore a turbine. Von Spaun non mancò di presenziare alla cerimonia del varo.